Trasacco
Vieni nella Marsica e scopri il cuore pulsante dell'Abruzzo

Trasacco

Descrizione

È "al di là delle acque" del lago del Fucino, e cioè "Transaquas", che nasce Trasacco, un piccolo agglomerato di soldati, e pare di pescatori, presente già prima del I sec. d.C. con il nome di “Supinum”. Il borgo era amministrato da due questori che, per conto dei consoli, riscuotevano le tasse per l’erario pubblico e guidavano l'esercito. Fu nel periodo compreso tra il IV e V secolo che si verificarono delle incursioni di barbari alcune delle quali fallite per l'intraprendenza degli abitanti di Transaquas.

 

 

Si appostarono infatti su monte Carbonaro e accesero molti fuochi facendo pensare a un grande accampamento di soldati, riuscendo così a scoraggiare i barbari dall'attacco. La prima chiesa, dedicata a San Rufino e San Cesidio e governata dai Benedettini di Casamari, fa la sua comparsa nel IX secolo ma viene subito distrutta dagli Ungari.

 

 

Trasacco, infatti, nei secoli subì diverse devastazioni che segnarono profondamente la sua storia. La più imponente si verificò attorno al 1400 a opera delle truppe del pontificio cardinal Giovanni da Tagliacozzo, ossia Antonio Orsini da Tagliacozzo. Nel 1592 il paese venne assalito di nuovo ma riuscì stavolta a sventare l'attacco respingendo la banda di Marco di Sciarra grazie alla coraggiosa resistenza dei trasaccani guidati dal capitano Baronio.

 

 

Un'epidemia di peste colpì Trasacco nel 1656 e causò la morte di oltre 358 persone su 600 in soli due mesi. La svolta demografica avvenne dopo il prosciugamento del lago del Fucino, ma l'incremento della popolazione non portò a un corrispondente aumento di benessere economico tanto che dai primi del 1900 fino agli anni '70 molte persone furono costrette a emigrare e ad andar a cercar fortuna in America o in Australia.

 

 

Oggi Trasacco conta quasi 6mila abitanti e l'incremento costante si è avuto dagli anni '70 in poi. L’economia è basata sull’agricoltura, grazie alle coltivazioni della Piana del Fucino. Chi arriva a Trasacco non può non visitare la prestigiosa Basilica dei Santi Cesidio e Rufino con caratteristiche duecentesche, eretta sulle vestigia di una più antica, la chiesa della Madonna del Perpetuo Soccorso edificata nel 1652 in forme rinascimentali, il Santuario della Madonna della Candelecchia risalente al I secolo e il monumento della Madonna Pellegrina. 

Trasacco

Transaquas, il paese al di lÓ delle acque

Nel cuore del Fucino prende vita Trasacco, uno tra i paesi più grandi della Marsica. Da visitare la Basilica dei Santi Cesidio e Rufino e il Santuardio della Madonna di Candelecchia, meta di molti pellegrini. 

Abitanti: 5 909
Area: 51,4 km▓
Altitudine: 685 m s.l.m.
Sindaco: Cesidio Lobene
Codice postale: 67059
Prefisso telefonico: 0863
Telefono: 0863.93121